MERC. 13-6 – I MISTERI DELL’ASSASSINIO MORO

cid:638D8469-327A-4155-9FEC-3F6A82E33749@station

L’assassinio di Aldo Moro costituisce un caso internazionale ancora da raccontare nei suoi risvolti più oscuri. Se ne parlerà mercoledì 13 giugno al Circolo della Stampa (corso Italia 13, primo piano) alle 17.30 nell’incontro con Giovanni Fasanella, autore di “Il puzzle Moro”, sottotitolo: “Da testimonianze e documenti inglesi e americani desecretati, la verità sull’assassinio del leader Dc” (Chiarelettere, Milano 2018).

Tra gli anni Sessanta e Settanta la politica estera morotea, soprattutto quella mediterranea, e il disgelo nella politica interna tra Dc e Pci rappresentarono un pericolo gravissimo per gli equilibri mondiali. Un processo che doveva essere bloccato a tutti i costi. Sulla base di documenti resi pubblici a Londra e a Washington (e delle recenti acquisizioni dell’ultima commissione d’inchiesta parlamentare sul caso Moro), Giovanni Fasanella dimostra che una parte delle amministrazioni Usa, con gli inglesi e la complicità a vari livelli e in fasi successive di Francia, Germania e Unione Sovietica insieme con Cecoslovacchia e Bulgaria, avevano interessi convergenti a fermare Moro. Come confermano anche le testimonianze di ambasciatori e politici dell’epoca riportate in questo libro.

L’autore riesce a saldare in un racconto avvincente testimonianze e documenti inediti, offrendoci per la prima volta la ricostruzione completa del contesto internazionale e delle complicità interne in cui matura il delitto Moro. Solo così possiamo capire davvero le cause che stanno alla radice di molti episodi terroristici e individuare chi aveva interesse a destabilizzare la nostra democrazia.

Giovanni Fasanella, giornalista, sceneggiatore e documentarista, da molti anni è impegnato a ricostruire il contesto geopolitico della storia italiana, per Chiarelettere è autore con Mario José Cereghino di “Colonia Italia” (2015) e “Il golpe inglese” (2011), e con Rosario Priore di “Intrigo internazionale” (2010). Dialogherà con l’autore Alessandro Mezzena Lona, giornalista e già responsabile delle pagine culturali del Piccolo.