MART. 27-3 – IL CONFINE ORIENTALE TRA STORIA E NARRATIVA

Alla frontiera, alle tante frontiere che si incontrano in queste terre è dedicato l’incontro di martedì 27 marzo, organizzato dalla Società Dante Alighieri e dal Circolo della Stampa, che si terrà alle 17.30, nella sede del Circolo di corso Italia 13, primo piano. Su “Il confine orientale tra storia e narrativa” parleranno uno storico e due autori: Patrick Karlsen, direttore dell’Istituto regionale di storia del movimento di liberazione; Leandro Luchetti, autore di “Bora scura. La saga del confine orientale” (Robins&sons Edizioni 2017) e Andrea Ribezzi, autore di “Prigionieri dell’odio” (Luglio Editore, 2016). Introdurrà Maria Irene Cimmino della Dante Alighieri, modererà Pierluigi Sabatti, presidente del Circolo.

Leandro Lucchetti, sceneggiatore, regista di documentari e di film, è autore di un romanzo fluviale in tre volumi per raccontare “La saga del confine d’Oriente”, come recita il sottotitolo del suo libro che si sofferma sulle vicende che sconvolgono queste terre dall’indomani dell’8 settembre 1943 fino al 1954.

Andrea Ribezzi, scrittore triestino di noir con la passione per la storia, in questa sua opera affronta una vicenda maturata nello stesso travagliato periodo storico. Abbandonato (momentaneamente?) il personaggio dell’ispettore Ravera, protagonista dei suoi precedenti romanzi, ha scelto un uomo qualunque per affrontare un altro tipo di indagine, quella più prettamente storica. Qui il protagonista è Stefano Codiglia, alter ego (forse) dell’autore e di tutti quelli che ne vogliono sapere di più. Perché capire il passato è necessario per vivere il presente. Il contesto in cui maturano queste vicende letterarie sarà illustrato dallo storico Patrick Karlsen, relatore in numerosi convegni di studio internazionali e ha al suo attivo più di venti pubblicazioni scientifiche. Tra cui: “Frontiera rossa. Il Pci, il confine orientale e il contesto internazionale 1941-1955”.