MART. 30-01 – IL BENESSERE PSICOFISICO DELL’ANZIANO

“Il benessere psicofisico dell’anziano”: questo il tema dell’incontro che si terrà martedì 30 gennaio alle 17.30 al Circolo della stampa (corso Italia 13, sala Paolo Alessi, primo piano). Interverranno Giuliano Ceschia, direttore della geriatria dell’Asuits (Azienda sanitaria universitaria integrata di Trieste) e la psicologa Deanna Fornasier. L’iniziativa è promossa dall’Aris (Associazione ricerca interventi studi sull’invecchiamento, che ha come scopo di aiutare le persone anziane ad affrontare i cambiamenti che comporta l’invecchiamento, per poter mantenere un benessere sia psicologico che fisico migliore possibile. Un argomento sul quale viene posta sempre maggiore attenzione in qualunque fascia di età.

Negli ultimi anni è andata sempre più avanzando l’idea che nell’invecchiamento sia sano che patologico (nello specifico nelle demenze) le componenti emotive che quelle cognitive fossero strettamente correlate. Già sappiamo da molti decenni che in alcuni casi gli anziani possono presentare dei sintomi che sembrano demenza ma che in realtà sono una depressione, che viene definita pseudo demenza e molti anziani, pur non avendo sintomi di demenza, lamentano problemi cognitivi, come di memoria o di attenzione e concentrazione. Perché?

Molti studiosi, tra cui anche un gruppo di ricerca italiano dell’università di Padova, hanno individuato che lo stato di benessere psicologico è correlato con la predisposizione a ricordare. Gli studiosi hanno visto come molto spesso gli anziani in una situazione di mancato benessere psicologico hanno anche meno sensibilità alla memoria e sono meno disposti a memorizzare. Quindi, pur avendo le capacità cognitive integre, in realtà non riescono a ricordare perché la loro situazione psicologica influisce sulle capacità cognitive. Nell’incontro si parlerà di come affrontare questi problemi.