MAR. 5-12 – VITA NEI CAMPI DIVENTA UN LIBRO

Martedì 5 dicembre, alle 17.30,  al Circolo della Stampa (sala Paolo Alessi, corso Italia 13, primo piano) sarà presentato il libro “Vita nei campi” di Licio Damiani  (Lithostampa Edistrice)  che si fregia della copertina e delle illustrazioni di  Giorgio Celiberti. Il libro parla della tradizionale trasmissione radiofonica della domenica mattina dedicata all’agricoltura, nata nel lontano 1965 come parte regionale di una rubrica agricola nazionale intitolata “Cascina alle Querce”. Nel 1968, con la nascita della redazione udinese della Rai regionale, la rubrica si staccò da quella nazionale, divenne autonoma e prese il nome attuale di “Vita nei campi”; la struttura della trasmissione è rimasta sostanzialmente intatta in tutti questi anni, con le medesime sigle musicali e con i medesimi temi. Dopotutto, l’agricoltura, a parte le nuove tecnologie, è pur sempre la medesima: “produce” cose che si mangiano e si bevono. Benché ufficialmente la trasmissione sia dedicata a chi dei campi fa il proprio lavoro, i radioascoltatori non sono solamente agricoltori, bensì un po’ tutti anche per la cadenza e l’orario che la caratterizzano: “Vita nei campi” va infatti in onda ogni domenica a partire dalle 8.50 e fino alle 9.15 e non ha repliche. Difficile dire quanti siano gli ascoltatori perché la trasmissione viene seguita fino in Emilia Romagna: certo è che a quell’ora, chi ascolta, sta pensando a cosa mettere in pentola per il pranzo domenicale, oppure sta facendosi la barba per uscire per la messa o per andare a bere il “taglietto” (calice di vino in friulano) con gli amici prima di pranzo.

L’autore è Licio Damiani nato a Lussinpiccolo nel 1935, vive a Udine. Laureato in Giurisprudenza, è giornalista professionista. Si occupa di critica d’arte ed ha al suo attivo diverse opere.  Nella narrativa: “Paura di Vera” e altri racconti, “L’occhio del dio marino”, “Racconti del nord est”, “Maggiolone e Maggiolina”, “Il cavallo tra gli ulivi”, “Il profugo del Boom”, “Udine, un millennium”. Nella saggistica: “L’Arca del Beato Odorico da Pordenone”, “Mutinelli Candido Grass Arte del ’900 in Friuli”, “Il Liberty e gli anni ’20”, “Il Novecento”. Ha ricevuto il Premio Cjstiel di Udine. Nel 1968 è stato premiato a Portofino al concorso letterario “Il Navigante” per un racconto inedito su temi marinari. Collabora con servizi di attualità e cultura alla Rai, al Messaggero Veneto e varie riviste.

Il volume sarà presentato da Rosinella Celeste poetessa e scrittrice  che ha vissuto ed insegnato a Gorizia per oltre vent’anni, durante i quali  ha cominciato la sua attività di giornalista collaborando al Gazzettino, alle trasmissioni culturali della Rai regionale e al Messagggero Veneto.  Attualmente vive a Fiumicello (Ud) dove oltre  alla poesia, si dedica ai componenti della sua famiglia, compresi cani, gatti, oche e galline.. Ha pubblicato finora sei libri di poesie. Ha vinto, tra gli altri, “Acino d’oro” per il Vino della Pace-Cormons. Poesie appaiono nel volume “Gorizia” e nell’antologia “Scrittrici contemporanee in Friuli” curato da A.Ciceri .. Alcune poesie, sono inserite nei due tomi curati dalla Società Filologica Friulana intitolati l’uno Friuli e l’altro Slovenia .