GIOV. 8-6 – DONNE, SOGGETTI INVISIBILI DELLA STORIA

“Di quale storia Trieste ha bisogno?”: questo sarà l’argomento dell’incontro con Marta Verginella, vincitrice  del prestigioso  ERC Advanced Grant 2016 del Consiglio europeo della ricerca, che si terrà giovedì 8 giugno alle 17.30 al Circolo della Stampa (sala Paolo Alessi, primo piano, corso Italia 13) . Marta Verginella, professoressa ordinaria al Dipartimento di storia della Facoltà di Filosofia di Lubiana, dialogherà con il presidente del Circolo, Pierlugi Sabatti.  Al centro dell’incontro la presentazione del progetto selezionato dall’Unione europea. Marta Verginella illustrerà il suo lavoro, partendo dall’approccio storico-antropologico e transnazionale, che è alla base delle sue opere più recenti: “La guerra di Bruno” (edito da Donzelli nel 2015) e “Terre e lasciti” (edito da Beit nel 2016).

L’obiettivo del progetto è di produrre una riflessione di carattere innovativo sui periodi di transizione postbellica del XX secolo. La ricerca si concentrerà sulla regione adriatica nord-orientale, uno spazio europeo spesso trascurato, segnato, da un lato, da spostamenti dei confini, da cambiamenti dei sistemi politici e da alte intensità di conflitto interetnico e, dall’altro, da momenti di genuina cooperazione tra i vari gruppi etnici. Questa regione ha quindi tutte le qualità per diventare un “ambiente laboratorio” per lo studio dei rapporti di genere nelle interrelazioni sviluppatesi dopo la Prima e la Seconda guerra mondiale, nonché dopo le guerre jugoslave degli anni Novanta del secolo che ci precede.

Il progetto si concentra su quattro campi di ricerca (politica, violenza politica, lavoro, famiglia) per validare concetti analitici innovativi, propri del “paradosso inclusione-esclusione”, assumendo come oggetto di studio le donne nelle varie transizioni post belliche, soprattutto nel loro ruolo di “mediatrici transfrontaliere”. Nell’ambito delle categorie del genere un’attenzione particolare sarà dedicata alle donne in quanto soggetti spesso invisibili nei resoconti storici. Oggetto dell’indagine i processi di identificazione, che si manifestano sulla base di: origine etnica, classe, generazione, status materiale, professione/occupazione,  lingua parlata, processi migratori.