VEN. 17-3 – MISSIONI DI PACE E MISSIONI DI GUERRA: STORIA E STRATEGIE

Come nascono le missioni di pace in cui il nostro Paese è impegnato su vari fronti? Come si organizzano gli interventi umanitari, oggi sempre più frequenti? Quale è il ruolo della marina militare in guerra e in pace? Quale la sua storia? Sono questi i temi di stringente attualità che saranno affrontati venerdì 17 marzo alle 17.30 nella sala Paolo Alessi del Circolo della Stampa (corso Italia 13), partendo da due significativi volumi “Guerra e mare” (Mursia) e “Due secoli di stabilizzazione. Gli insegnamenti del passato per il peacekeeping del futuro” (Aracne). Ne parleranno il prof. Georg Meyr docente di Storia delle relazioni internazionali all’Università di Trieste, e l’arch. Marianna Accerboni, curatrice e ideatrice dell’evento. Due libri, stilati con grande competenza e chiarezza, fanno scuola. Il primo scritto dall’ammiraglio Ferdinando Sanfelice di Montefiore e il secondo scritto a quattro mani assieme a Laura Quadrella. Coordinerà l’incontro Pierluigi Sabatti, presidente del Circolo della Stampa. Interverranno gli autori. L’opera dell’ammiraglio Sanfelice analizza tutte le sfumature che hanno accompagnato le vicende umane nel tempo, dalla guerra convenzionale a quella ‘asimmetrica’ e alle questioni relative alla tratta degli schiavi e alla pirateria, fenomeni che qualcuno s’illudeva fossero estinti da tempo, mentre sono prepotentemente di nuovo balzati all’attenzione dell’opinione pubblica. Per quanto riguarda “Due secoli di stabilizzazione”, si osserva che negli ultimi decenni l’Occidente ha svolto, non sempre con esito positivo, numerose operazioni di pace e interventi umanitari, per rendere stabili Paesi colpiti da crisi o piagati da lotte intestine. È giusto quindi riflettere su quanto fatto, prima di intraprendere nuove iniziative, e la storia degli ultimi due secoli ci è di grande aiuto. Infatti, i molti errori commessi nel passato, soprattutto da Napoleone e dalla Gran Bretagna, insieme ai pochi, ma significativi successi conseguiti dagli Stati Uniti e in un paio di occasioni dalla Francia, sono un termine di paragone per le operazioni recenti e una fonte preziosa di insegnamenti per il futuro.

Ferdinando Sanfelice di Monteforte, ammiraglio di Squadra, ha partecipato al salvataggio dei Boat People vietnamiti nel ’79 e alle operazioni marittime Nato per la crisi dell’ex Jugoslavia. Già rappresentante militare italiano alla Nato e all’Ue, ha insegnato all’Università Alfieri di Firenze, alla Cattolica di Milano ed è attualmente docente di Studi strategici all’Università di Trieste Polo di Gorizia. E’ autore di “Strategy and Peace”, “I Savoia e il mare” e altri volumi e saggi.

Laura Quadrella Sanfelice di Monteforte, giurista e politologo, dottore di ricerca in Diritto Internazionale, è specialista in terrorismo jihadista, counter-terrorism, questioni mediorientali, geopolitica, geostrategia e crimini internazionali. Insegna Counter-terrorism e Geopolitica e lavora al Ministero Affari Esteri. È autore di “Il nuovo terrorismo internazionale come crimine contro l’umanità”, “Terrorismo fai da te” e “Perché ci attaccano. Al Qaeda, l’Islamic State e il terrorismo fai da te”.