MERC. 22-2 – L’AMOUR FOU DI UN MATEMATICO TRIESTINO

Mercoledì 22 febbraio 2017, alle ore 17.30, al Circolo della stampa (sala Paolo Alessi, primo piano, corso Italia 13) Pierluigi Sabatti e Fulvio Senardi dialogheranno con Giuseppe O. Longo, autore del romanzo La gerarchia di Ackermann (Jouvence, Milano 2016).

Fra le stregate geometrie spaziotemporali che congiungono Trieste e Budapest, l’Europa e il Mondo, scorre un fiume impetuoso di ricordi che sgorgano dai sedimenti limacciosi del tempo: un enigmatico plico giunto dall’Ungheria fa tornare alla mente del matematico triestino Guido Marenzi una storia d’amore e di follia che ha vissuto a Budapest vent’anni prima e dalla quale è uscito spezzato. Imprigionato tra la morsa dell’eros e quella del destino, accompagnato da personaggi elusivi, dalla musica greve del Castello di Barbablù e dal pensiero ossessivo della morte, Guido ripercorre quella lontana vicenda durante le ventiquattr’ore di una giornata estiva, e dal lavorio della memoria emerge trasformato. Sul finire del giorno, si sente pervaso da una mitigata speranza: liberandosi dal groviglio di esaltazione e di dolore che l’ha rinchiuso, vede comparire un mondo diverso, più dolce e placato.

Ciascuno dei dieci capitoli del romanzo ha una fisionomia propria, che si traduce nella lingua, nella struttura e nel punto di vista della narrazione. Numerose sono le ramificazioni del racconto, che fanno del libro una sorta di ipertesto seducente e fascinoso. Il lettore rimane avvinto e talora smarrito di fronte alla vastità di quest’opera e alla magia della scrittura.