Relazione 2016

Quando mi è stato proposto questo incarico, ho accettato perché sono stato scelto da una larga maggioranza di colleghi, il che mi ha molto confortato e rassicurato per l’attività da svolgere.

Attività diretta soprattutto a migliorare l’informazione nella nostra città.

Ho trovato un consiglio direttivo, composto da persone di vasta esperienza che mi hanno immediatamente dato ampia collaborazione.

Ma prima di soffermarmi sull’attività svolta desidero ringraziare il mio predecessore, Rino Alessi, per il lavoro svolto e desidero ringraziare altresì, con profonda gratitudine, il segretario del Circolo, Gianni Martellozzo.

Continuerò a lavorare  con grande fiducia perché sono sostenuto oltre che dal consiglio direttivo, dall’Ordine e dall’Assostampa, il nostro sindacato, del quale il Circolo è una emanazione.

E poi veglia su di me la presidente onoraria Fulvia Costantinides alla quale dobbiamo una continuità nelle iniziative, con i suoi “mercoledì”, che ha sostenuto il Circolo anche negli anni bui.

Infine permettetemi di dire grazie al collega Roberto Carella, che lascia l’incarico di fiduciario dell’Inpgi, che comporta anche la vice presidenza del Circolo. Carella ha fatto moltissimo per il nostro sodalizio e spero possa ancora confortarci con la sua esperienza e i suoi suggerimenti.

Gli subentra, a norma di statuto, il nuovo fiduciario dell’Inpgi, Alessandro Martegani.

Last but not least voglio ringraziare le nostre impiegate Tosca e Barbara.

I primi mesi di quest’anno sono stati difficili. In particolare per l’emergenza migranti che  l’Europa, intesa come istituzioni europee, non sembra in grado di affrontare. Non c’è una politica comune. Si va in ordine sparso e soprattutto prevalgono gli egoismi nazionali. Come dimostrano le recenti elezioni presidenziali in Austria. Dobbiamo renderci conto che se noi europei non siamo capaci di gestire una situazione sicuramente la subiremo.

Non è questa la sede per approfondire la questione e discutere sulle soluzioni, ma è la sede per auspicare un ruolo attivo dell’informazione. Un ruolo attivo di noi giornalisti nello spiegare il fenomeno, nell’evitare di farci strumentalizzare da esponenti politici che speculano su queste sciagure. E’ difficile, certo. So bene quali sono i meccanismi che regolano la confezione delle notizie nei vari media, però ci sono esempi virtuosi.

E ci sono i punti di riferimento, come la “Carta di Roma” concernente richiedenti asilo, rifugiati, vittime della tratta dei migranti approvata il 12 giugno 2008 dal Consiglio nazionale dell’Ordine dei giornalisti e dalla Federazione nazionale della stampa che avevano condiviso le preoccupazioni dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati circa l’informazione su questi temi. Il documento  impegna ad evitare la diffusione di informazioni imprecise, sommarie o distorte che possano alimentare atteggiamenti razzistici.

La Carta di Roma, quanto mai attuale, fa parte di quell’insieme di “normative” che i giornalisti stessi hanno varato nel corso degli anni (come la “Carta di Treviso” che riguarda l’infanzia) per regolamentare vari aspetti dell’informazione.

Proprio per trattare l’argomento ”Europa” abbiamo varato insieme all’associazione “Dialoghi Europei” un progetto per approfondire queste tematiche. Ricordo tra gli altri l’incontro del 29 gennaio su “La questione europea e il nuovo atteggiamento italiano” con il professor Paolo Palamiti, docente di politica economica europea, economia internazionale e international business presso l’Università Bocconi e l’ISPI.

Una manifestazione che ha aperto la serie di iniziative fatte insieme con altri enti e associazioni perché, insieme al Direttivo, abbiamo deciso di aprire il Circolo della Stampa alla più ampia collaborazione con le realtà culturali cittadine.

Ecco le altre manifestazioni varate con questo principio-guida

21 gennaio

 

“Ogm. Tutele alimentari e aggressione alla salute non possono convivere. Come difendersi dai pericoli del Ttip sul versante dell’ alimentazione e della nutrizione”

Nicoletta Dentico giornalista, già direttrice di Medici senza frontiere, consigliera di Banca Popolare Etica, Gianni Tamino professore di Biologia all’università di Padova, già europarlamentare della Lista Verde, Adriano Cattaneo medico epidemiologo,  presidente dell’Oigs (Osservatorio Italiano sulla Salute Globale)

 

4 febbraio

Presentazione del volume “Un teatro per la città – Breve storia del teatro sloveno di Trieste dal 1850 al 2000” di Bogomila Kravos conversazione con l’autrice a cura di Sabrina Morena

(in collaborazione con Gruppo 85 e lo Slovenski Klub)

5 febbraio

 

Presentazione libro fotografico “Leica e le altre” di Ugo Borsatti

svolto dal giornalista Claudio Erné insieme all’autore

 

8 febbraio

 

Proiezione del film “Piran–Pirano” per celebrare il “Giorno del ricordo”. Pellicola del regista lubianese Goran Vojnović che affronta il dramma dell’Istria nell’immediato dopoguerra.

(in collaborazione con il Circolo Istria)

 

16 febbraio

 

Presentazione del volume “Sfascismo costituzionale. Come uscire vivi da un azzardo politico temerario. Una proposta liberale” di Giulio Ercolessi – sulla riforma costituzionale di Renzi

(con il prof. Mauro Barberis, l’avv. Andrea Bitetto e, con un messaggio video registrato, il prefatore Sir Graham Watson).

 

25 febbraio

 

“Siamo tutti corrotti? Le radici istituzionali della corruzione sistemica in Italia”

Relatore il prof. Alberto Vannucci, Presidente nazionale di Libertà e Giustizia

 

10 marzo

Medaglia Grande Guerra – coniata dall’associazione numismatica slovena “J.V. Valvasor” di Trieste

(Intervenuti: Andrej Štekar - il presidente del Valvasor, Vasja Klavora - per 40 anni medico chirurgo all’ospedale di Nova Gorica, autore di diversi libri tra i quali ben cinque riguardano proprio il fronte dell’Isonzo, l’archeologo Andrej Šemrov, direttore del Gabinetto numismatico del Museo nazionale sloveno di Lubiana).


11 marzo

 

“Amianto: quale miglioramento?”

(Intervenuti Marco Zullo, membro del Parlamento Europeo; i professori Claudio e Tommaso Bianchi, Ospedale San Polo di Monfalcone; il professor Marino Valle, consulente peritale; Ilaria Dal Zovo, consigliere regionale e
Lorenzo Lorusso, moderatore dell’incontro)

4 aprile

“Incontro con l’assessore regionale alla Cultura, Sport e Solidarietà Gianni Torrenti”

12 aprile

 

Presentazione del libro “Oltre l’isola che non c’è. A volerci provare” di Silvano Magnelli

(con Maria Stella Malafronte e l’Autore)

19 aprile

 

Presentazione libro ”Andare per le città ideali” di Fabio Isman - una guida a diverse preziosità del nostro patrimonio artistico e urbanistico (con l’autore e il giornalista e critico letterario Roberto Curci)

 

21 aprile

 

Incontro “Informazione minacciata” con la giornalista di cronaca giudiziaria di “Repubblica” Federica Angeli e con Alessandro Galimberti, giornalista de “Il Sole 24 Ore” e presidente dell’Unione Nazionale Cronisti Italiani.

(in collaborazione con l’Associazione della stampa e Ordine dei giornalisti)

 

28 aprile

 

Presentazione della ”video-monografia dedicata alla pittrice Serena Zors Breuer” (presentata dall’arch. Marianna Accerboni, curatrice della pubblicazione)

 

6 maggio

 

Presentazione del libro “Dalla Jugoslavia alle Repubbliche indipendenti - Cronaca postuma di un’utopia assassinata e delle guerre fratricide” di Bruno Maran

 

12 maggio

Incontro dedicato al romanzo “Fughe incrociate” uscito nel 1990.

Con Sanja Roić, critico letterario, Peter Verč, giornalista, e Patrizia Vascotto, moderatrice.

Realizzato insieme al Gruppo 85 nell’ambito del Forum Tomizza. Segnalo in proposito l’incontro su “Libri Migranti” che si terrà il 31 maggio.

 

16 maggio

 

Presentazione libro “L’anima del Fuhrer” di Dario Fertilio, giornalista del Corriere della Sera e direttore del “Dalmata”

(Con Rosanna Turcinovich Giuricin, giornalista e scrittrice presente l’Autore)

 

24 maggio

 

“La Grande Guerra vista dai pittori”, presentazione di dipinti di artisti europei sul tema del conflitto, a cura di Paola Schulze

 

26 maggio

 

Presentazione del librop “Mutti, Angela Merkel spiegata agli italiani” di Michael Braun e di “La Germania: il problema d’Europa” di Gabriele Pastrello.

 

Ricorderò infine due manifestazione realizzate fuori dalle mura del Circolo: e l’incontro con i candidati sindaco Roberto Cosolini, Iztok Furlanic, Paolo Menis, Alessia Rosolen. Doveva intervenire anche

Roberto Dipiazza, che all’ultimo momento ha inviato una mail. Io ho proposto di leggerla ma il pubblico ha rifiutato.

Incontro organizzato al Savoia Excelsior il 27 aprile scorso insieme a Dialoghi Europei. Sala piena.

E la celebrazione dei quarant’anni della Contrada, fatta al teatro Bobbio, protagonista Ariella Reggio. In collaborazione con la compagnia stessa. Ottima affluenza di pubblico

 

E altre iniziative sono in cantiere. E, se non ci rivolgerete delle critiche, vorremmo continuare su questa strada perché, come avete visto dai titoli e verificato da chi ha partecipato, si tratta di argomenti che arricchiscono l’informazione che vogliamo dare ai triestini.

 

Tornando all’organizzazione del Circolo ci troviamo ad affrontare un’emergenza. Per ragioni personali, la segretaria della nostra associazione Viviana Valente ha dato le dimissioni. Io la ringrazio per l’attività svolta con entusiasmo e impegno.

Propongo al suo posto di chiamare il collega e socio Livio Missio.

Ma dobbiamo rispettare lo statuto e in primo luogo dobbiamo accoglierlo nel consiglio e quindi potrà occuparsi della segreteria.

Missio non è con noi oggi perché è stato coinvolto all’utimo momento, e aveva impegni improrogabili. Del resto le dimissioni di Viviana Valente sono arrivate soltanto un paio di giorni fa e quindi ho dovuto agire con immediatezza. Missio ha dato la sua disponibilità a lavorare con noi a partire da settembre.